all, food, mood

cibi cotti

Ieri sera a letto, stremata dal caldo, prima di dormire sfogliavo le foto… ho trovato questa dell’entrata di CIBI COTTI trattoria

(un racconto dei miei sabati).

Qualche mese fa grazie ad una amica ho scoperto una trattoria napoletana gestita dagli anni ’60 dalla signora Anna Pappalardo

che si trova in una zona di Napoli alquanto anomala (tra lustri e vita) il quartiere Chiaia a Mergellina, all’interno del Mercato Rionale della Torretta. Questa trattoria è diventa un vero hub sociale, luogo di incontro delle classi e così da un lato i colori un pò borghesi del mare di mergellina risalgono alla terra ferma, incontrando i colori popolani che provengono dall’altro.

A ridosso del mercato c’è via Piedigrotta, traccia di uno spazio popolano situata fra via Francesco Caracciolo e la stazione di Mergellina, dove si svolgeva l’antica “festa di Piedigrotta” ereditata dai Borboni.

Dicono che durante le prime luci del mattino del 7 settembre le vie e gli atri dei palazzi venivano addobbati per la festa, durante la quale sfilavano carri arricchiti con vere e proprie orchestrine con mandolini e chitarre.

Questo video lascia immaginare cosa dovesse essere un tempo questo luogo di Napoli

Immagine anteprima YouTube

Cibi Cotti, ci accoglie con le nostre richieste come a casa (forse anche meglio). La prima volta che ci sono stata ero disorientata, molta gente, poi la seconda la terza la quarta etc. ho iniziato a conoscere don Vincenzo (figlio di Anna) affascinato da Parigi e dal mito della Belle Époque, Lino (lo chef) di una dolcezza disarmante che mi ha dato anche la ricetta del suo limoncello

e tutti gli altri della famiglia allargata che ci accolgono. Noi in genere li avvisiamo con una telefonata per avere lo spaghetto con i lupini o i paccheri con le cicale, ma il modo migliore di gustare le cose da loro è conoscerli.

You Might Also Like