food

yin & yang e l’arte di

E’ proprio vero che smettendo di pensare si sentono le emozioni.

Cosa mi induce a fare questa riflessione?

Questo sito+blog+portfolio nasce casualmente un giorno in cui ho iniziato a pensare che avrei voluto avere un contenitore delle mie passioni vs interessi. All’epoca facevo un lavoro serissimo, non mi sono mai sentita nelle vesti dell’ingegnere ma sicuramente un tono e una forma di rigidità dovevano appartenermi. Così andavo a lavoro in tailler, vivevo nella res-publica a Roma, mangiavo insalate e centrifugati nella pausa pranzo insieme ai colleghi, passeggiando tra fontane storiche e giardini.

Ritornando al racconto, ragiono ragiono ragiono ed inizio a trascrivere idee e concetti che più mi appartengono, da lì a poco l’acronimo di questo spazio virtuale.

All’inizio è stato una sperimentazione e una delle prime cose che ha trovato posto quì sono stati i giardini, era l’epoca in cui scoprivo yin-yang e così yin (nero) (/jin/) e yang (bianco) (/jang/) dalle origini nell’antica filosofia cinese, così anche l’osservazione del giorno che si tramuta in notte e della notte che si tramuta in giorno, e dalle osservazioni e riflessioni che Lao-Tsu.

“La gentilezza delle parole crea fiducia. La gentilezza di pensieri crea profondità. La gentilezza nel donare crea amore.”

Lao Tzu

E così “parole, pensieri, donare” non lo sapevo ancora, ma avrebbero trovato strada nella mia vita. Qui scivo e uso le mie parole (a volte fin troppo chiuse e castigate nella forma del non apparire), racconto esperienze e pensieri (attravero foto immagini e disegni) e scopro e facilito atti sociali, sostenendo il dono.

Una chicca è questo libro che ho comprato per conoscere lo yin-yang in cucina, che si chiama

“Il Tao e l’arte dei fornelli”

Ricette facili, rapide e gustose per applicare la dietetica tradizionale cinese alla cucina di tutti i giorni

book

[credits image]

You Might Also Like

Newsletter

* indicates required
Email Format

Journal Post

LIBEES on Facebook